Innovazione

Terre rare, team di ricercatori USA scopre come riciclarle

Questo post è disponibile anche in: Inglese

Messo a punto un sistema per recuperare dalle auto elettriche questi elementi, importati ed estratti ad alti costi ambientali.

 

Un gruppo di ricercatori del Politecnico di Worcester, in Massachussetts, ha scoperto un nuovo metodo per recuperare le terre rare dai veicoli elettrici e ibridi fuori uso. Gli scienziati, nello specifico, si sono concentrati su neodimio, disprosio e praseodimio. L’obiettivo è riciclare in modo sostenibile ed efficiente le terre rare, elementi che – lo dice il nome stesso – vengono estratti ad altissimi costi, economici ed ambientali.

Per testare il processo, i ricercatori hanno sezionato l’unità di guida (che contiene il motore elettrico e altri componenti della trasmissione) di una Chevrolet Spark elettrica, per poi triturare i pezzi. Utilizzando un sistema di estrazione chimica a due stadi, sono stati in grado di recuperare le terre rare e altri materiali riciclabili, inclusi i chip di acciaio.

Secondo il Politecnico, questa tecnologia ha il potenziale di creare una fonte alternativa per le terre rare, che vengono quasi completamente importate dalla Cina. Il sistema potrebbe avere un mercato molto più ampio della mobilità sostenibile, dato che i magneti che contengono terre rare sono usati in una vasta gamma di tecnologie: oltre ai motori elettrici, ci sono per esempio le turbine eoliche e i dispositivi medici.

“Negli ultimi 20 anni – spiega Marion Emmert, tra gli autori della ricerca – gli Stati Uniti non hanno investito nel settore e hanno perso conoscenza ed esperienza nell’estrazione, nel recupero e nella separazione di questi materiali. Speriamo che adesso qualcosa cambi e che gli USA diventino meno dipendenti dall’estero.”

Il Politecnico di Worchester ha fatto richiesta di brevetto per la nuova tecnologia e spera di commercializzare il sistema trovando un’azienda interessata a investire.

La ricerca è iniziata nella primavera del 2014, quando il Politecnico è stato indicato come il capofila di un fondo per università da 7,4 milioni di euro. La cifra era stata erogata dall’esercito americano per supportare lo sviluppo di nuovi metodi metallurgici e nuove leghe leggere per aiutare l’US Army a costruire veicoli e sistemi più efficaci e duraturi. Parte di questa ricerca ha esplorato i metodi per l’estrazione di terre rare da minerali trovati al di fuori della Cina e per il recupero di questi elementi da materiali riciclati.

Invito ad iscrizione newsletter - ITA

aziende


Metal Group S.p.A.



vai alla scheda
Promuovi Azienda - ITA