Scenari

Come mitigare il cambiamento climatico con l’economia circolare?

Questo post è disponibile anche in: Inglese

Mentre il mondo si interroga sugli esiti della COP22, in corso a Marrakech dal 7 al 18 Novembre, è interessante valutare quanto la transizione verso l’economia circolare possa influire sulla riduzione delle emissioni di CO2 in atmosfera. Le politiche energetiche e ambientali infatti potranno incidere solo fino ad un certo punto sull’equilibrio climatico globale.

Un recente studio, pubblicato da Circle Economy ed Ecofys, illustra cinque modi in cui le pratiche di circular economy basate sui pilastri “Reduce, Reuse, Recycle” possano contribuire a mantenere l’incremento di temperatura media globale entro gli 1,5° C.

  1. OTTIMIZZARE I CONSUMI

Ogni giorno vengono mediamente estratti a livello globale circa 22 kg di materie prime a persona: una quantità di risorse grezze che appare enorme. Ancor più preoccupante se pensiamo che solo il 7% di quanto viene prodotto, viene poi riusato. Il principio dell’economia circolare promuove le pratiche della riparazione e della nuova messa in opera: se un prodotto non è veramente a fine vita perché buttarlo?

  1. PREFERIRE MATERIALI NON CARBON-INSTENSIVE

Gli stakeholder del settore edilizio dovrebbero impegnarsi nel volgere le loro attività verso un’alternativa più sostenibile. Solo l’industria legata alla produzione del cemento è responsabile del 5% delle emissioni di CO2 annuali. Ripensare le aziende di costruzioni e la filiera di approvvigionamento in chiave sostenibile è possibile: bioedilizia e bioarchitettura sono già una realtà.

  1. INNESCARE UNA REAZIONE A CATENA

Promuovere comportamenti che favoriscono l’economia circolare riduce naturalmente la dipendenza dalle materie prime. I processi di estrazione e lavorazione di queste ultime sono responsabili, nei paesi in via di sviluppo, di circa il 60% delle emissioni di gas climalteranti in atmosfera secondo dati dell’OECD, l’Organizzazione mondiale per la cooperazione e lo sviluppo economico. Sarebbe un passo in avanti verso la riduzione della dipendenza mondiale dai combustibili fossili.

  1. USARE LE RISORSE IN MANIERA EFFICIENTE

Lo studio prevede che l’attuazione di una strategia di riduzione, riuso e riciclo delle risorse genererebbe un incremento nell’efficienza della gestione fino al 30% rispetto agli standard attuali.

  1. PREFERIRE IL DIGITALE

L’innovazione procede a passi spediti in questo senso: i tradizionali modelli di business sono oggetto di una transizione in senso digitale. Un’ulteriore de materializzazione dei processi e dei servizi favorirà un’ottimizzazione nella gestione delle risorse: meno impatto, più efficienza.

Invito ad iscrizione newsletter - ITA

aziende


Turin Carta



vai alla scheda
Promuovi Azienda - ITA