Economia circolare

Italia, dal 2008 1 azienda su 4 ha investito in tecnologie verdi

Questo post è disponibile anche in: Inglese

La Penisola leader europeo nel riciclo industriale: le imprese usano meno materie prime. I dati nel rapporto Green Italy 2015.

 

Quasi un quarto delle aziende italiane dell’industria e dei servizi, dal 2008 ad oggi, ha investito o sta per investire in tecnologie green per ridurre l’impatto ambientale, risparmiare energia e contenere le emissioni di CO2. E’ quanto emerge dal rapporto Green Italy 2015 di Fondazione Symbola e Unioncamere, promosso in collaborazione con il Conai.

Solo quest’anno, 120mila imprese hanno investito "green", o intendono farlo entro dicembre, il 36% in più rispetto al 2014. Una propensione che abbraccia tutti i settori della nostra economia (dall'agroalimentare all’edilizia, dalla manifattura alla chimica, dall'energia ai rifiuti) e che sale al 32% nel manifatturiero.

Secondo la ricerca, le aziende green esportano nel 18,9% dei casi, a fronte del 10,7% di quelle che non investono nel "verde". Inoltre, innovano più delle altre: il 21,9% ha sviluppato nuovi prodotti o servizi, contro il 9,9% delle non investitrici.

Grazie anche alle realtà che puntano sull’efficienza, l’Italia vanta importanti primati sul fronte dell’ambiente a livello europeo e a parità di valore prodotto le nostre aziende utilizzano meno materie prime ed energia e producono meno rifiuti ed emissioni. Secondo Eurostat, le imprese italiane, con 337 kg di materia prima ogni milione di euro prodotto, fanno meglio della media Ue (497 kg) e si piazzano seconde tra quelle delle grandi economie comunitarie dopo le britanniche (293 kg), davanti a Francia (369), Spagna (373) e ben avanti alla Germania (461).

L’Italia è leader europeo nel riciclo industriale: a fronte di un avvio a recupero di oltre 163 milioni di tonnellate di rifiuti riciclabili su scala europea, nel nostro Paese sono stati recuperati 25 milioni di tonnellate, il valore assoluto più elevato tra tutti i paesi europei (in Germania sono 23).

Questo ha permesso alla Penisola di risparmiare energia primaria per oltre 15 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio ed emissioni per circa 55 milioni di tonnellate di Co2. L'Italia è inoltre tra le principali economie europee, seconda solo alla Germania, in termini di percentuale di riciclo e di recupero di rifiuti di imballaggio, facendo meglio di Spagna, Francia e Regno Unito.

Invito ad iscrizione newsletter - ITA

aziende


Geco Ambiente Soc. Coop.



vai alla scheda
Promuovi Azienda - ITA