Economia circolare

Puliamo il mondo, 4 mila studenti in strada per il riciclo

Questo post è disponibile anche in: Inglese

Legambiente ed Ecodom consegnano a 77 scuole italiane un kit per andare a caccia di rifiuti elettronici.

Un kit per andare a caccia di rifiuti elettronici. Questo è quanto riceveranno dal 23 al 25 settembre quasi 4 mila studenti di tutta Italia, grazie alla campagna “Puliamo il mondo”, la più grande iniziativa di volontariato ambientale promossa da Legambiente, con il contributo di Ecodom.

Grazie al materiale fornito, gli studenti di 77 scuole in ogni parte del Paese scenderanno in strada, armati di guanti gommati, ramazze, cappellini e pettorine, per pulire le vie del proprio quartiere e raccogliere rifiuti di ogni genere.

L’obiettivo dell’iniziativa è sensibilizzare tutti i cittadini, in particolare le nuove generazioni, sull’importanza della raccolta differenziata dei rifiuti: non solo carta, plastica e vetro, ma anche Rifiuti Elettrici ed Elettronici (i cosiddetti RAEE), a cui deve essere riservato un trattamento specifico.

In alcune scuole è previsto un importante percorso didattico finalizzato ad insegnare ai più giovani come gestire correttamente gli elettrodomestici rotti o non più in uso: tre appuntamenti per spiegare ai bambini cosa sono i RAEE e perché è così importante differenziare la raccolta dei rifiuti.

“La collaborazione con Legambiente e il sostegno a favore di “Puliamo il Mondo” sono divenuti ormai un appuntamento fisso per Ecodom. Una consuetudine che si rinnova ogni anno con la consapevolezza di quanto sia essenziale sensibilizzare tutti e, in particolare i più giovani, sull’importanza di salvaguardare e proteggere l’ambiente in cui viviamo – commenta Giorgio Arienti, Direttore Generale di Ecodom. Ogni rifiuto deve essere smaltito in modo idoneo per non arrecare danni all’ecosistema: i RAEE, in particolare, se riciclati correttamente possono rappresentare una reale risorsa per il pianeta e un importante serbatoio di materie prime (come ferro, rame, alluminio e plastica). Riciclare significa, quindi, non solo risparmiare energia, ma anche salvaguardare le risorse del pianeta, per garantire alle nuove generazioni un futuro più sostenibile”.

“Negli ultimi anni – aggiunge Rossella Muroni, presidente nazionale di Legambiente – è aumentata tra le persone l’attenzione e la sensibilizzazione sui temi ambientali e la voglia di contribuire con azioni concrete alla tutela del territorio. Lo dimostra anche la grande partecipazione di cittadini che da 24 anni registriamo con Puliamo il mondo, dedicata quest’anno all’integrazione e all’abbattimento delle barriere fisiche, culturali, sociali e mentali, per un’Italia sostenibile, al dialogo e alla partecipazione attiva. Un tema che coinvolgerà anche le periferie delle nostre città, per ridisegnare insieme nuovi spazi più sostenibili e innovativi, accoglienti e inclusivi. Come sempre ci saranno tanti volontari, ma anche tantissimi ragazzi e comunità straniere, pronti a ripulire dai rifiuti le periferie e le aree verdi, convinti che un maggior senso civico ed ambientale sia un passaggio fondamentale nella tutela dell’ambiente tanto quanto l’azione delle istituzioni pubbliche. Un pensiero che lascia ben sperare e ben si sposa con Puliamo il mondo, che anche quest’anno si avvale della preziosa collaborazione di Ecodom accendendo i riflettori sul corretto smaltimento dei RAEE”.

Fonte: Legambiente

Invito ad iscrizione newsletter - ITA

aziende


Benfante SpA



vai alla scheda
Promuovi Azienda - ITA