Normative

UE, il Parlamento punta sul riciclo per far ripartire l’economia

Questo post è disponibile anche in: Inglese

Strasburgo vuole nuove norme per ridurre i rifiuti e promuovere il riuso: in ballo l’1% del PIL europeo e 2 milioni di posti di lavoro.

 

Riciclare di più per uscire dalla crisi. L’imperativo categorico arriva da Strasburgo, dove il 9 luglio il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che chiede alla Commissione UE di predisporre entro la fine del 2015 un pacchetto di misure per trasformare sistematicamente i rifiuti in risorse.

Entro il 2030 il Vecchio Continente dovrà incrementare del 30% l’efficienza del proprio ciclo produttivo, attraverso obiettivi più ambiziosi in termini di riduzione dei rifiuti, norme sul revamping e provvedimenti che svincolano la crescita dall’uso delle risorse. Tali sforzi, si legge nella risoluzione, “potrebbero far crescere il PIL europeo dell’1% e creare 2 milioni di posti di lavoro”.

Stop alle discariche e agli inceneritori per i materiali che possono essere riciclati, con l’applicazione di sistemi di raccolta differenziata obbligatoria e l’inserimento della bioeconomia come parte integrante dell’economia circolare. Queste le richieste dei parlamentari europei, che, inoltre, vogliono ridefinire i criteri di riparabilità, riutilizzo e riciclabilità dei prodotti e adottare misure per eliminare l’obsolescenza programmata.

“E’ un cambio di paradigma e al contempo una grande opportunità economica – ha dichiarato il finlandese Sirpa Pietikäinen, promotore della risoluzione – Per fare ciò, abbiamo bisogno di azioni precise. In primo luogo, una serie di indicatori e di obiettivi. Dobbiamo rivedere la legislazione attuale, allargare il raggio di azione della direttiva sull’eco design, rinnovare la direttiva sui rifiuti e fare focus specifici sull’edilizia sostenibile”.

Positiva la reazione delle associazioni di settore. Più tiepida quella della Gran Bretagna, che avrebbe chiesto un indebolimento dei programmi di economia circolare, preferendo ai target vincolanti per il riciclo obiettivi volontari che abbiano un impatto minore sull’industria.

Invito ad iscrizione newsletter - ITA

aziende


Ares Ambiente S.r.l.



vai alla scheda
Promuovi Azienda - ITA